Una rosa per Emily di William Faulkner

In questo articolo parliamo di “Una rosa per Emily” di William Faulkner. Questa nostra recensione è stata supportata dalla fondatrice di volandosuilibri.it (https://volandosuilibri.it/), che ci ha dato dei semplici spunti di riflessione su come questo libro possano coesistere i lati opposti di un cambiamento.

William Faulkner, residente da molto tempo a Oxford, Mississippi, non ha frequentato nessuna scuola letteraria. Il suo lavoro, “Una rosa per Emily”, ha esplorato la storia e la leggenda del sud America mentre approfondiva la sensibile intuizione sul carattere umano. Si tratta di come Emily, il personaggio principale, ha rifiutato di accettare il cambiamento. In esso, ha catturato lo spirito del suo tempo e ha trasmesso il passato e il presente in relazione al rifiuto del cambiamento e al rifiuto del progresso.

Ambientato nel dopoguerra tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento, “Una rosa per Emily” presenta i due lati opposti del cambiamento: i cittadini che l'hanno accettato ed Emily che l'ha rifiutato. Infatti, suo padre ha influenzato il suo atteggiamento verso qualsiasi trasformazione; mentre la loro casa, il servitore, Tobe, il Colonnello Sartoris e il suo amante, Homer, simboleggiava il passato.

Emily è stata allevata in modo molto tradizionale

Suo padre era un uomo molto vecchio stile che non credeva nell'uguaglianza tra uomini e donne. Anche nel mutevole mondo dell'uguaglianza, ha insegnato a Emily che il posto di una donna è solo in secondo piano. La sua adorazione per lui è stata resa evidente dal fatto che conservava il suo "ritratto a matita" e la sua influenza su di lei è rappresentata al meglio alla sua morte, una morte che le ci sono voluti 3 giorni per riconoscerla.

Questo rifiuto di accettare il cambiamento si vede anche nella sua custodia del domestico, Tobe. Anche dopo tutte le trasformazioni che il dopoguerra aveva inaugurato, una guerra combattuta principalmente per porre fine alla schiavitù, Emily ha rifiutato di dare a Tobe la sua libertà. Lo aveva tenuto fino al giorno della sua morte: quando Tobe morì camminò per la casa e uscì sul retro e non fu più visto".

Emily era decisa nei suoi modi e niente, nemmeno l'ambivalenza delle persone nei suoi confronti, l'ha trasformata. Era compatita, disprezzata, scrutata, e c'era chi era contento quando era caduta: "si era umanizzata", dicevano. Emily non si mosse: rimase la solitaria, misteriosa, eccentrica, che rifiutava il cambiamento.

Il cambiamento è un concetto che Emily non afferrerebbe. Quando la "prossima generazione" di dirigenti della città ha cercato di farle pagare le tasse, si è aggrappata al vecchio accordo del colonnello Sartori secondo cui le sue tasse sono rimesse. La morte del colonnello Sartori, come gli altri cambiamenti di quartiere, è stata respinta, ed è stata ferma nel ribadire che "[lei] non ha le tasse a Jefferson". Li aveva licenziati come aveva licenziato i loro padri "trent'anni prima …" Non accettando i suoi doveri civici e rifiutando la comunione, Emily preservò il passato negando il presente.

La tradizione e i vecchi modi non sono le uniche cose che Emily ha preservato

Quando è iniziata una relazione scandalosa tra lei e Homer (lo yankee), ha eliminato la sensazione di abbandono che aveva provato dopo la morte del padre uccidendo Homer. Là, in quella stanza al piano di sopra, i resti di Homer giacevano immutati dal giorno in cui l'aveva messo lì. Giaceva nella camera da letto al piano di sopra "il corpo che apparentemente una volta era stato adagiato nell'atteggiamento di un abbraccio, ma ora il lungo sonno che sopravvive all'amore, che vince anche la smorfia dell'amore, lo aveva cornuto". Aveva preservato il suo corpo e i ricordi felici che condivideva con lei in quella stanza color rosa al piano di sopra della sua casa.

Personificazione di Emily, la casa dei Grierson era un " decadimento ostinato e civettuolo". Emily, proprio come la sua casa, un tempo simbolo di grandezza, dell'aristocrazia meridionale, è l'unica rimasta nel quartiere. Mentre "…garage e gin di cotone avevano invaso e cancellato… il quartiere", ha resistito e ha rifiutato il cambiamento, e ha vissuto una vita proprio come una capsula del tempo che non è mai stata sepolta. Si è trovata tra il passato e il presente e si è fermata – proprio come a casa sua, è rimasta lì, indifferente ai cambiamenti che la circondano. Emily rifiutava e resisteva al cambiamento; in sostanza, rifiutava il progresso.

Il progresso è necessario per la nostra gioia e soddisfazione

È essenziale imparare dal passato e usarlo per migliorare le cose per il futuro. Emily ha rappresentato i meridionali d’America del dopoguerra che hanno fortemente rifiutato il cambiamento e lo hanno visto come futile. Ha vissuto la sua vita dimorando nel passato, snobbando ostinatamente i cambiamenti intorno a lei ed è rimasta reclusa.

È stata isolata fino alla sua fine, cosa che avrebbe potuto essere evitata se fosse stata un po' aperta e malleabile al cambiamento, perché il cambiamento è inevitabile. Come ha detto l'ex primo ministro britannico, il compianto Harold Wilson: "Chi rifiuta il cambiamento è l'architetto del decadimento. L'unica istituzione umana che rifiuta il progresso è il cimitero".