I protestati possono aprire un conto bancario?

I protestati non sono accettati come titolari di conti correnti dall'attuale sistema normativo e bancario, anche se sono stati dichiarati non colpevoli da un tribunale. Sebbene l'apertura di un conto corrente bancario con il garante non sia una pratica molto diffusa, esistono alcuni conti correnti aperti specificatamente a protestati.

Cosa dice la legge sul conto corrente per i protestati

Le banche non possono aprire nuovi conti per chi ha debiti non pagati. La legge stabilisce che se una persona è in arretrato con un debito e un creditore chiede al tribunale un ordine di pignoramento dei suoi beni, le banche non possono aprire nuovi conti (o consentire l'accesso ai conti esistenti) fino a quando la persona non avrà saldato i suoi debiti. Si tratta di un'ordinanza restrittiva.

La legge non affronta specificamente la questione se una banca possa o meno aprire un conto per una persona che è stata protestata. Tuttavia, esistono alcune regole che si applicano a tutte le persone, compresi i protestati. In generale, le banche non possono aprire conti per persone che sono state "protestate".

La procedura di apertura di un conto corrente bancario per i protestati

I conti correnti vengono aperti in qualsiasi momento. È possibile aprire un conto di persona, per telefono o online. All'apertura del conto è necessario fornire il passaporto e i dati personali. Se avete già aperto un conto presso la banca, vi verrà chiesto di confermare la vostra identità tramite un codice inviato al vostro numero di cellulare o indirizzo e-mail.

Restrizioni dei conti correnti per protestati

Se siete stati dichiarati protestati, è improbabile che il vostro conto corrente venga accettato come garanzia per un prestito se è stato chiuso almeno sei mesi prima della richiesta di credito. Questo perché le banche di solito richiedono che i richiedenti non abbiano dichiarato bancarotta presso il precedente datore di lavoro o presso un'altra banca nei sei anni precedenti la richiesta.

In conclusione

Se, come detto in precedenza, il vostro punteggio di credito non è buono nel senso tradizionale del termine, aprire un conto bancario sarà difficile. Il modo più comune per aprire un conto bancario è quello di chiedere a una persona con un buon rating di credito di versare un deposito e di fungere da garante. Il garante deve essere disposto a pagare tutti i soldi che spendete sul vostro conto, il che significa che avrà il controllo delle vostre finanze mentre vivete "fuori" dalla società.