Brevi consigli su come organizzare una festa originale a Roma

L’organizzazione di una festa richiede impegno e dedizione. Le variabili di cui occorre tener conto per ottenere un risultato che lasci un segno nella memoria di chi festeggia e in quella degli invitati, sono diverse.

Gli obiettivi da perseguire sono essenzialmente tre:

  • L’originalità, poiché la festa deve rappresentare la personalità del celebrato, rispecchiarne stile e carattere, recarne l’impronta esclusiva in ogni dettaglio.
  • Il divertimento, che assurge al ruolo di protagonista indiscusso dal momento che nessuno, probabilmente, parteciperebbe ad una festa se non avesse la ragionevole certezza di trascorrere qualche ora di allegria e di svago.
  • La qualità, infine, che contempla la necessità di offrire agli ospiti un servizio, sia in termini enogastronomici che prestazionali, di standard elevato.

Il primo passo da compiere, quindi, è quello di individuare la giusta location e se viviamo a Roma siamo decisamente avvantaggiati.

La città eterna, infatti, da questo punto di vista non teme concorrenza, in quanto è un’unica, scenografica quinta dove è possibile ambientare ogni genere di festa.

Dai Fori imperiali al Colosseo, dal centro storico al Campidoglio, dal Gianicolo al Lungotevere, è davvero infinita l’offerta di locali, eleganti e raffinati o moderni e alla moda, che dispongono di un terrazzo, un affaccio, una veduta sulle bellezze mozzafiato della capitale.

Già solo l’ipotesi di un brindisi cui faccia da sfondo Piazza di Spagna o la Fontana dei Quattro Fiumi, e che funga da preambolo ad una serata nella calca della movida romana è sufficiente a garantire una festa ricca di fascino e di classe.

E se l’idea di stare fermi in un solo posto non ci aggrada, sebbene il posto in questione potrebbe essere Trinità dei Monti come Piazza Navona, possiamo scegliere una festa itinerante.

A bordo di un comodo bus a due piani, attrezzato per un aperitivo o per una più impegnativa cena, con tanto di musica e Dj, si possono percorrere i più affascinanti itinerari romani mangiando, bevendo, ballando e, soprattutto, divertendosi in una cornice d’incanto, unica al mondo.

Il Party bus è in grado di ospitare da 14 a 45 persone e offre loro angolo bar, piano discoteca, tavoli e sedie per gustare comodamente un pasto o sorseggiare un drink.

Alternativa di grido è la festa a tema, che deve essere preceduta, però, da una attenta analisi dei partecipanti al fine di definirne le caratteristiche comuni ed individuare un argomento che interessi tutti e non risulti, per qualcuno, imbarazzante o fuori luogo.

Stabilito il tema, che può riguardare un periodo storico particolare (preistoria, antica Grecia, anni ’70) o un genere cinematografico – film di culto (Guerre Stellari, Spaghetti Western, Grease) senza porre alcun limite alla fantasia, occorre chiedere agli invitati di presenziare alla festa con l’abito adeguato.

Ma non è tutto, poiché anche la location per la festa privata a Roma dovrà essere allestita con addobbi e arredi in tema, alla stregua del menù e delle bevande da servire, che rispetteranno quanto più possibile le peculiarità tipiche dell’argomento prescelto.

La qualità delle prestazioni possiamo invece assicurarla scegliendo un’agenzia di servizi seria ed affidabile che garantisca assistenza puntuale e professionisti qualificati e allo stesso tempo ci assicuri, in caso di un eventuale catering, professionalità del personale ed alta qualità degli alimenti.