3 verità su perdita di peso e integratori dimagranti

Perdere peso è un processo molto complesso, specialmente se si devono eliminare molti chili. Richiede molto impegno, determinazione, costanza e capacità di adattamento ad un nuovo regime alimentare che sarebbe bene poter seguire per tutta la vita, improntato su cibi sani e porzioni adeguate. In tutto questo gli integratori dimagranti, come quelli che trovi sul sito Sempre in Salute possono dare una grande opportunità, a patto che siano inseriti in modo corretto all’interno di un piano dietetico equilibrato. Ma vediamo quali sono le 3 verità che riguardano la perdita di peso e l’utilizzo degli integratori dimagranti.

 

1. Non esiste una combinazione magica

Spesso pensiamo che se possiamo solo scoprire la "giusta" combinazione di cibi, perderemo magicamente peso o manterremo quello che abbiamo perso. Ci sono diete a basso contenuto di grassi, diete a basso contenuto di carboidrati, diete a basso contenuto glicemico, la dieta della mela, la dieta Paleo, e così via. In realtà non sembra esserci una dieta "giusta", e non sembra esserci alcuna prova che una particolare dieta funzioni meglio con il metabolismo specifico di un individuo. Il grande mito è che ci sia una magica combinazione di cibi – che sia proteica, vegetariana e così via – che sarà unica a causa della sua interazione unica con il tuo metabolismo. Sappiamo più o meno che qualsiasi dieta vi aiuterà a perdere peso se la seguite. Non esiste una dieta magica. La verità è che TUTTE le diete funzionano se le segui. Seguire a singhiozzo una dieta e sperare che assumendo degli integratori dimagranti o bruciagrassi sistemerà tutto è completamente errato. Gli integratori sono semplici supplementi e come tali fungono solo da contorno e non funzionano se non sono associati ad una dieta equilibrata.

 

2. Una caloria è una caloria!

Per l'equilibrio energetico, è il numero di calorie che conta. Dal punto di vista del peso corporeo una caloria è una caloria indipendentemente dalla sua provenienza. Si può ingrassare mangiando troppo cibo sano o spazzatura. Naturalmente dal punto di vista della salute, è meglio mangiare frutta e verdura. Allora dove sta l’inganno? Semplicemente è molto più facile ingerire troppe calorie dal cibo spazzatura che dal cibo sano.

Ma la fonte delle calorie conta ovviamente per altre ragioni: è importante in quanto influenza la sazietà e questo è in parte psicologia e in parte biologia. In effetti, l'industria alimentare ha ritagliato un'intera nuova area della scienza alimentare per studiare il "punto di beatitudine", in cui gli alimenti sono creati per aumentare la quantità necessaria per sentirsi sazi e pieni. Da un lato abbiamo la scienza del 'bliss point' che ci dice che l'industria alimentare può elaborare gli alimenti per aumentare le calorie necessarie per raggiungere la soddisfazione. Abbiamo il corpo di lavoro reciproco, compreso lo studio di Harvard sull'ONQI, che dimostra che 'più nutriente' significa, tra le altre cose, la possibilità di riempirsi con meno calorie.

È vero che i tipi di alimenti che mangiano possono, nel tempo, influenzare il tuo profilo metabolico, quindi possono anche essere importanti in questo modo, ma quando si riduce, attenersi a qualsiasi dieta ipocalorica creerà il deficit energetico necessario per perdere peso. Quindi il punto non è mettere in discussione ciò che è una caloria, ma piuttosto capire che abbiamo bisogno di "scambiare" i nostri alimenti, scambiare gli alimenti molto densi e pieni di calorie con alimenti che sono meno calorici e più densi dal punto di vista nutrizionale: questi sono quelli che sono più voluminosi, meno ricchi di energia, hanno più o più proteine di qualità, sono più bassi sull'indice glicemico e più fibrosi. E anche in questo caso non serve assumere integratori, non necessariamente dimagranti ma anche integratori alimentari generici, come vitamine e minerali per sopperire alla mancanza di una dieta varia ed equilibrata. Il corpo infatti a lungo andare riconosce le molecole “finte” e potresti iniziare ad avere seri disturbi di salute.

 

3. È tutta una questione di cervello

Non sono il corpo o il metabolismo a creare il sovrappeso o l'obesità – è il cervello. Sappiamo tutti intuitivamente che le decisioni sbagliate sono quelle che fanno aumentare il peso e quelle migliori sono quelle che lo fanno perdere. Il problema è che nel tempo, le cattive decisioni portano a cambiamenti significativi nel modo in cui il cervello governa – e, sorprendentemente, risponde – ai processi di fame e sazietà. Anni di qualsiasi tipo di modello di comportamento depongono le tracce neurali, e la sovralimentazione non fa eccezione.

La buona notizia è che ci sono sempre più prove che il cervello può, in gran parte, "aggiustarsi" una volta che emergono nuovi modelli di comportamento (cioè, restrizione calorica, scelte alimentari sane ed esercizio). Mentre ci può essere un certo grado di "danno" al cervello, in particolare nel modo in cui funzionano gli ormoni della fame e della sazietà, può correggersi in larga misura nel tempo. La chiave è che il processo richiede tempo, e come qualsiasi altro cambiamento di comportamento, è in definitiva una pratica. In questo contesto il ruolo degli integratori dimagranti può non essere meramente metabolico: avere un supporto emotivo dal fatto che si stia utilizzando un “aiutino” che potrebbe portare a vedere prima dei risultati in termini di perdita di peso è certamente positivo per chiunque ambisca a dimagrire.