Affrancarsi dalle dipendenze del nostro tempo: cambiamento di clima e mal di gola, due situazioni collegate

Il periodo del caldo estivo porta un po’ tutti a ricercare l'ambiente fresco e il sollievo dalla calura in misure predisposte come i condizionatori e, in generale, i sistemi di aria condizionata. Siamo sicuri che questo rimedio non possa divenire peggiore del malessere dovuto al caldo?

Non è un mistero che l'aria condizionata faccia male e ciò è stato confermato di recente da uno studio dell’Università del Wisconsin-Madison. Oltre a possibili effetti negativi sulla nostra salute, si è appurato che la climatizzazione alza anche i livelli di inquinamento atmosferico e contribuisce in modo sensibile al cambiamento climatico. Questa consapevolezza dovrebbe spingere a cambiare le nostre abitudini, in quanto esistono alcuni trucchi per fare a meno del condizionatore, e raffrescare gli ambienti in modo naturale.

Le controindicazioni dell'uso del condizionatore, soprattutto con getto d'aria a bassa temperatura rispetto all'ambiente esterno, porta spesso ad inconvenienti quali raffreddamento di gola, abbassamento di voce e colpi d'aria e questi sono più frequenti quando si passa con frequenza da un ambiente molto caldo ad uno ben raffreddato. Fortunatamente esistono vari rimedi a questo problema per il nostro organismo, tra cui ad esempio Zerinol Gola.

Gli sbalzi termici possono essere negativi per qualsiasi organismo, ma in particolare per le persone che già soffrono di patologie quali asma, allergie, insufficienza polmonare, ecc…

Come accennato, l’utilizzo dell’aria condizionata produce come effetto anche un aumento delle concentrazioni di particolato fine e di ozono nell’aria, causando quindi un aumento dell'inquinamento atmosferico con l'utilizzo massiccio dell'aria condizionata e contribuendo al cambiamento climatico, che favorisce l’effetto serra e ricadute negative sulla salute del pianeta e delle persone.

Non soltanto il condizionamento, ma anche i frequenti viaggi in aereo, gli spostamenti rapidi e i cambiamenti frequenti di ambiente dal caldo al freddo sono la causa di affezioni più o meno marcate della faringe con il risultato di forti mal di gola o faringite, che producono malessere e sofferenza.

La faringite, comunemente detta mal di gola, è un’infiammazione della faringe. Quando colpisce, si avverte una sensazione di bruciore e dolore. La causa può essere di origine virale. Sono infatti i virus da raffreddore che di frequente producono tale effetto, ma non solo questi. È importante combattere il fastidio di tale mal di gola batterico, poiché quando se ne è affetti non si riesce a godere appieno della propria giornata, rinunciando magari a una cena con gli amici poiché non si riesce a parlare o a mangiare con gusto.

 

Rimedi contro il mal di gola, cosa prendere:

Esiste un numero illimitato di virus che possono provocare la faringite, e il trattamento indicato per la cura deve consistere in una terapia mirata, con rimedi antisettici per operare con una azione battericida e antiinfiammatoria fino al sollievo del soggetto colpito. 

Come detto, le cause più comuni sono quelle di agenti fisici o chimici. Aria fredda, aria troppo secca, o troppo umida, vapori irritanti, polveri, sono tutti fattori che possono scatenare il mal di gola. Gli sbalzi termici alterano i sistemi di termoregolazione dell’apparato respiratorio, esponendo così l’organismo all’attacco di virus e batteri. Gli agenti irritanti scatenano il fastidio e provocano l’infiammazione.

Una soluzione mirata per risolvere rapidamente un mal di gola persistente è Zerinol Gola, un prodotto in pastiglie che può essere assunto senza difficoltà grazie anche al suo gusto menta e che viene consigliato nel trattamento sintomatico del dolore acuto del mal di gola e dell’infiammazione.

Per prevenire questi problemi è quindi importante stare attenti in particolar modo all’aria condizionata, un’arma a doppio taglio in grado di offrire benefici ma anche alcuni “effetti collaterali”. Come sottolineato precedentemente, l’aria condizionata non solo può causare malessere alla nostra salute, ma anche a quella del pianeta; per questo motivo in alcuni ambienti è consigliato installare ventilatori a pale nel soffitto e sopperire alla mancanza di aria condizionata riducendo le fonti di calore, tenendo chiuse le imposte di giorno e aprendole di notte.

Fra i rimedi più importanti, comunque, vi è quello di piantare alberi vicino alle abitazioni per mantenere un ambiente più fresco senza l’ausilio di strumenti come l’aria condizionata, e a beneficiarne sono sia le persone che l'ambiente, il quale vede una diminuzione degli effetti negativi dati dai condizionatori e contestualmente un aumento delle aree verdi.