MOOC tra innovazione e formazione

federica.eu : la piattaforma MOOC dell'Università Federico II di Napoli

federica.eu : la piattaforma MOOC dell’Università Federico II di Napoli

La storia di innovazione che raccontiamo oggi ha come protagoniste Federica e Emma.

Napoli è la città in cui sono nate e da cui si sono aperte al mondo con la missione di contribuire allo sviluppo del proprio Paese e dell’Europa partendo dall’idea che la condivisione della conoscenza sia il più potente dei motori di sviluppo economico e sociale.

La loro casa è una delle più antiche d’Europa, abitata da menti e cuori ricchi di cultura, conoscenza, scienza. Parliamo di due piattaforme di formazione online finanziate con fondi europei sviluppatesi una dall’esperienza dell’altra presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II.

Il modello MOOC (Massive Open Online Courses), ultima frontiera dell’apprendimento in rete, è il vestito più alla moda che le piattaforme stanno indossando con uno stile che guarda al futuro.

Curiosi di conoscerle meglio?

Federica.eu è la nuova piattaforma, online dallo scorso aprile, realizzata grazie al lavoro e all’esperienza maturata dalla fucina di Federica Web Learning, programma della Federico II che dal 2007 si occupa di sviluppo e diffusione dei contenuti didattici di alta formazione, promosso nel quadro dei fondi strutturali europei (FSE e FERS), coniugando gli aspetti formativi con quelli di ricerca e innovazione.

Con Federica i MOOC parlano finalmente italiano: un nuovo formato didattico diviene un prodotto Made in Italy, grazie ad un Ateneo italiano, su una piattaforma italiana. I corsi, realizzati con la cura del dettaglio e il senso del bello che il mondo riconosce al bel Paese, sono a misura di studente, potenziando l’ambiente multimediale dei nativi digitali.

La piattaforma Federica.eu prevede un’offerta didattica iniziale che parte con 40 corsi ad accesso libero e gratuito, con la possibilità di ricevere crediti universitari. In totale 600 lezioni, 10.000 slide, 1.800 video, 3.000 immagini. Con questi numeri l’Università Federico II rappresenta un’esperienza didattica inedita in Italia. I contenuti, a cura di docenti d’indiscussa autorevolezza scientifica anche di altri atenei e istituti di ricerca, su un modello di apprendimento “web intensive”, spaziano dai fondamentali di base ai temi di particolare attrattiva per l’opinione pubblica. Si va dall’Introduzione alla Scienza politica alla Psicologia dello sviluppo cognitivo, dalla Letteratura italiana alla Comprensione del linguaggio, dalla Fisica a Developmental Robotics, dal Laboratorio di Restauro all’Organizzazione del patrimonio culturale, solo per citarne alcuni. Con Federica.eu si abbattono le antiche barriere territoriali e l’università esce dalle sue mura, rivolgendosi a una platea più ampia: dagli studenti delle superiori che cercano di orientarsi sulle scelte future al mondo in espansione del Lifelong learning. Non solo giovani, quindi, ma anche docenti, professionisti e semplici appassionati, che possono frequentare i corsi da qualunque luogo.

I MOOC targati Federica sono organizzati in maniera semplice e modulare: Anteprima e trailer; Indice delle lezioni; Unità didattica; Contenuti testuali; Video lectures; Link alle risorse in Rete.
Uno dei punti di forza dei MOOC di Federica sono le “video lectures”. Tre in media per ogni lezione, con un formato agile e intenso, esse hanno una durata di circa 8 minuti. Nelle video lectures il docente riassume e mette a fuoco i contenuti delle slide. In questo modo si realizza una stretta integrazione tra il video e i testi di studio.
Altra caratteristica che offre federica.eu è l’apertura verso la Rete e le sue fonti più accreditate: link a banche dati, cataloghi, archivi, permettono allo studente di conoscere opere, ricerche, selezionate dal docente per rendere il corso più completo. Va in questa direzione anche la collaborazione con la casa editrice Il Mulino, battistrada della innovazione editoriale online con le piattaforme Pandoracampus e Darwinbooks. Grazie alla partnership con Federica MOOC, sarà possibile l’accesso gratuito ad una selezione di titoli delle collane più prestigiose.

L’intero progetto è caratterizzato, infine, dalla valorizzazione del fattore umano. Accanto ai tanti docenti che hanno accettato la sfida di un insegnamento più impegnativo e innovativo, c’è il Team di Federica Web Learnig composto da un pool di specialisti della Rete, in maggioranza donne. Nuovi profili professionali, a testimonianza della convergenza nell’e-learning di una pluralità di competenze: dalla progettazione e management didattico al disegno delle interfacce, dalla ricerca sociale alla comunicazione, dallo sviluppo di format multimediali alla loro pubblicazione online.

E’ Il Sud che fa crescere l’Italia, l’Italia che cresce in Europa.

EMMA Project

EMMA Project

EMMA, l’European Multiple MOOC Aggregator è un’azione pilota della durata di 30 mesi finanziata dall’Unione Europea. L’obiettivo principale è quello di creare una vetrina per le eccellenze e le innovazioni nella didattica con la sperimentazione su larga scala di MOOC in diverse discipline.
EMMA è un progetto di natura sperimentale che include un servizio integrato di traduzione automatica avanzata in grado di fornire un sistema per l’offerta di corsi online gratuiti e aperti a tutti, in più lingue, di diverse università europee, per contribuire a conservare e valorizzare il ricco patrimonio culturale, educativo e linguistico dell’Europa e promuovere un apprendimento transculturale e multilingue.

I corsi disponibili spaziano dalla Social Innovation and Cultural Heritage alla Open Wine University.
I numeri di EMMA:
12 i partner coinvolti in EMMA nella sua fase iniziale, ma tra gli obiettivi futuri si prevede che i MOOC di altre università europee potranno trovare spazio e visibilità sulla piattaforma EMMA;
2 le direttrici principali su cui opera: come aggregatore per ospitare i corsi prodotti dalle università europee e come piattaforma per consentire ai discenti di costruire percorsi di apprendimento personalizzati, scegliendo i moduli dei MOOC come “mattoncini”;
2 le fasi in cui si svolgerà: durante la prima un ampio numero di corsi sarà offerto dai partner di EMMA e successivamente potranno essere ospitati altri atenei interessati alla sperimentazione dei MOOC;
7 i paesi impegnati ad offrire 16 MOOC;
60.000 gli utenti che si prevede di coinvolgere.

I corsi saranno disponibili nella lingua del Paese di origine oltre che in lingua inglese.

Il progetto è diretto dal team di Federica Web Learning dell’Università di Napoli Federico II in Italia e coinvolge altre quattro università tradizionali:

University of Leicester (Gran Bretagna), Université de Bourgogne (Francia), Tallinn University (Estonia) e Universitat Politècnica de València, Spagna e tre “Open University”: Universitat Oberta De Catalunya in Spagna, Open Universiteit Nederland in Olanda e Universidade Aberta in Portogallo. Tutti i partner contribuiscono con i propri MOOC e con competenze specifiche nel campo dell’e-learning, dei learning analytics e dell’innovazione tecnologica applicata alle lingue.

CSP – Innovazione nelle ICT S.C.A R.L., Italia, è il partner che contribuisce sviluppo di un sistema di tracciamento del comportamento degli utenti per definire i learning analytics, mentre ATOS, Spagna, guida il processo di sostenibilità post-pilot. IPSOS Italia si occupa dell’analisi di mercato su utenti e contributori, mentre ATiT in Belgio cura la comunicazione e la diffusione.

Il gruppo di lavoro di EMMA ha deliberatamente scelto un approccio multi-culturale e plurilingue, integrando nella piattaforma servizi di traduzione e trascrizione automatizzati per i corsi della piattaforma.
EMMA offre una nuova serie di corsi gratuiti, che contiene per la prima volta dei MOOC tradotti in 3 lingue, nonché una serie di nuovi argomenti, tra cui un MOOC sul vino offerto dall’Université de Bourgogne in Francia. Anche questi MOOC sono aperti agli studenti di tutto il mondo, durano da 6 a 8 settimane ciascuno, realizzati grazie alla collaborazione di partner universitari europei e che offre opportunità di apprendimento online, di facile accesso, aperte a chiunque desideri apprendere.

Il dibattito sul modello di business e gli sviluppi futuri della formazione online per individuare mercati che vanno dall’alta formazione alla formazione professionale che oggi chiamiamo MOOC  è ancora aperto. Per il resto non vi resta che sperimentare questo ambiente MOOC navigando tra i suoi corsi.

Noi vi suggeriamo le piattaforme innovative italiane ed europee appena citate ma se amate i modelli made in USA e le piattaforme statunitensi non avete che l’imbarazzo della scelta.

La dipendenza è assicurata!

Se la vostra curiosità sul mondo MOOC supera i confini dell’online avete a disposizione gli ultimi giorni per cogliere l’opportunità di iscrivervi e partecipare alla 11th JTEL – Joint European Summer School on Technology Enhanced Learning, co-organizzata dall’ EATEL e da Federica Web Learning, che si terrà ad Ischia, dal 4 all’11 luglio, presso l’Hotel Continental.

La Jtel è dedicata agli studenti di dottorato e uno speciale track quest’anno sarà dedicato ai professionals interessati ai MOOCs. Questo speciale percorso è organizzato da “Emma” e l’offerta formativa è dedicata a quanti – docenti e professionisti – abbiano l’intenzione di cogliere l’opportunità di avere a portata di mano il team di Federica ed Emma per un focus specifico sul MOOC design e per comprendere meglio qual è il valore aggiunto del progetto, sia in termini di servizi avanzati (traduzione, learning analitycs, survey) che di internazionalizzazione della didattica.

E’ un’occasione da non perdere per PhD, ricercatori e professionisti per condividere innovazioni, idee e progetti! E soprattutto per fare networking.
Per maggiori informazioni è possibile consultare:

JTEL: http://www.prolearn-academy.org/Events/summer-school-2015
EMMA: EMMA Summer school on MOOC design | Emma Project